martedì, Giugno 18, 2019

Sulle orme di Cezanne – Aix en Provence

Author

Categories

Share

- Advertisement -

Per un Impressionista dipingere la natura non significa dipingere il soggetto, ma concretizzare sensazioni.” Cit. Paul Cezanne

- Advertisement -

Quando arriva la primavera ci avventuriamo spesso nella bellissima Provenza che tra l’altro è vicina alla nostra Sanremo…Questa volta abbiamo deciso di passare due giorni nella bellissima e super giovanile Aix alla ricerca dei luoghi cari a Cezanne perché abbiamo una passione per gli Impressionisti (vi ricordate il nostro Tour a Saint Remy?) e per la Provence che è stata una fonte di ispirazione per molti pittori di questa corrente e non poteva non essere così data la moltitudine dei suoi colori, profumi e paesaggi.

Appena arrivati in città dopo aver lasciato i bagagli in albergo, attraversando gli innumerevoli mercati dislocati per la cittadina (c’è ne sono di tutti i generi praticamente ogni giorno) e ovviamente dopo alcuni acquisti come gli immancabili Calissons di cui vi parleremo presto, siamo giunti in rue de l’Opera proprio davanti alla casa natia del pittore. Purtroppo non è visitabile oggi sede di una scuola per l’infanzia e rimane quindi solo la targa sul muro esterno.

Dislocate per la città e segnalate da chiodi con l’iniziziale del pittore si trovano altri edifici legati alla vita di Cezanne (che qui è nato nel 1839 è morto nel 1906 è qui vi ha vissuto per la maggior parte della sua vita) come la cappelleria del padre in Cours Mirabeau, la facoltà di diritto dove ha studiato ed altri…

Ma a nostro avviso il luogo in cui più si sente la presenza dell’artista è sicuramente il suo atelier in Avenue Paul Cezanne. Questo spazio infatti è stato progettato dall’artista stesso e qui si trovano ancora suoi oggetti personali come pennelli, pipa, cavalletti e modelli delle sue nature morte e persino alcune lettere fra lui è Monet. E’ inutile dirvi che si percepisce tutta l’intesita’ di questo Impressionista tanto da pensare che da un momento all’altro egli possa entrare nello studio e cominciare a dipingere.

Una chicca? La feritoia creata nel muro che permetteva all’artista di far entrare ed uscire dall’atelier le tele di grandi dimensioni (come le Grandes Baigneuses che qui è stata dipinta).

 

le Grandes Baigneuses

Dall’atelier dopo aver visitato i suoi giardini circostanti si può raggiungere il Terrain des Peintres dove Cezanne si recava per dipingere uno dei suoi soggetti preferiti la Montagne Sainte-Victoire (la ritroviamo in almeno 80 opere fra dipinti e acquerelli).

Non dimenticate inoltre che sempre ad Aix en Provence riposa Cezanne nel cimitero di Saint Pierre.

Non siete appassionati d’arte? Vi daremo altri motivi per visitare questa perla della Provenza!!

Autoritratto – Paul Cezanne
- Advertisement -

Author

Share