La Scarzuola

60

Un gioiello dell’Umbria: Il convento La Scarzuola e la Città Ideale adiacente di Buzzi, è un luogo di intensa spiritualità, basato sulla storia e sul valore estetico. Un luogo fantastico, pieno di mistero, la sua bellezza va ricercata oltre che nella sua architettura e nell’ambiente in cui si trova, nell’idea visionaria di Buzzi di creare una città di teatri, coperta di simboli esoterici e lasciata alla fine vuota dopo il suo completamento.

La Scarzuola

La leggenda vuole che il convento, situato a Montegiove, borgo di Montegabbione (Terni) fu fondato da San Francesco d’Assisi nel 1218, tuttavia quello che conosciamo oggi è del XVI secolo, quando i Conti di Marsciano fecero costruire una chiesa per onorare le vicende legate a San Francesco. Il convento, di cui allora i frati degli Ordini minori presero possesso, fu creato in un secondo momento e rimase aperto fino al XVIII secolo, quando fu acquistato dai Marchesi Misciatelli di Orvieto. Il Convento rimase silenzioso fino alla metà del XX secolo, quando l’architetto Tomaso Buzzi acquistò l’edificio e le terre circostanti, sulle quali sarebbe stata costruita la Città Ideale.

I legami del Convento La Scarzuola con la spiritualità sono radicati nel culto cristiano dei santi,soprattutto perché  legato alla figura di San Francesco d’Assisi, ma idee architettoniche, esoterismo e mistero ne fanno da padrone.

La città Ideale: simbolismo e architettura di un sogno visionario

Tomaso Buzzi, un famoso architetto d’avanguardia, decise di acquistare il convento La Scarzuola e il territorio circostante nel 1956, con una visione ben precisa: accostare alla spiritualità cristiana del convento una città “ideale” enfatizzando la teatralità di tutto ciò. In realtà ha creato una vera e propria opera d’arte. La Città Ideale si forma nella sua principale linea strutturale, in 7 teatri, il più piccolo con un massimo di 10 persone, il più grande di oltre 600.

La struttura dei 7 teatri culmina nell’Acropoli, un agglomerato di edifici ispirati alle costruzioni classiche. Il risultato è una struttura eccentrica di straordinaria bellezza e inquietudine nello stesso tempo.

Alla morte di Tommaso Buzzi, nel 1981, la sua Città Ideale rimase incompiuta. Marco Solari, un altro architetto, terminò la sua costruzione, seguendo i progetti e gli schizzi lasciati dallo stesso Buzzi.

Ricordatevi: La Scarzuola è una casa privata, è obbligatorio prenotare il giorno e l’orario di visita telefonando allo 0763/837463 o scrivendo a info@lascarzuola.com costo biglietto
€ 10,00 a persona.

Che dite, ci organizziamo?

Author: Marco – Fashionismo.it