Arles e Van Gogh

26

“La normalità è una strada lastricata, comoda per camminare ma non vi cresce nessun fiore.” (Cit. Vincent Van Gogh)

Starete pensando…ma si questo è il Colosseo, cosa c’entra con Arles?…no mi dispiace questa è Arles!

La cittadina è molto bella e molto curata, ci sono bellissimi scorci ed attrazioni come l’Arena…ma il motivo principale che ci ha portato a visitare Arles ed altre località limitrofe di cui ci parleremo in seguito, è stata la nostra passione per Van Gogh. Ci piace molto visitare musei, ma quando ne incontri uno a cielo aperto è qualcosa di incredibile!!! Van Gogh ha passato molto tempo in Francia in diverse località, vi e’ anche morto e tutt’ora sepolto, ed ha passato diversi anni nel sud che ancora ne conserva diverse tracce anche molto intime.

Arles

Pensate che meraviglia potersi godere un caffè seduti proprio nel caffè dipinto dal pittore Olandese, oppure passeggiare magari in bicicletta nella periferia di Arles e trovarsi davanti il sorprendente ponte di Langlois (purtroppo solo una riproduzione ma sicuramente lo stesso molto emozionante)…

Cafè le soir (1888)
Van Gogh – Cafè le soir (1888)

D’improvviso ci si trova catapultati all’interno di un quadro, tra i colori e le emozioni tipiche di questo meraviglioso e al tempo stesso particolarissimo artista. Per un attimo si ha la sensazione quasi di scorgere l’artista con il suo cavalletto intento a dipingere…. Accanto a questi veri e quasi viventi monumenti troverete sempre il cartello con la riproduzione del quadro relativo.

Per concludere in maniera adeguata la visita di Arles dedicata ai luoghi di Van Gogh, non potete non visitare la fondazione Vincent Van Gogh, dove troverete sempre esposizioni di artisti contemporanei ed una piccola selezione di quadri originali Van Gogh all’interno di una modernissima struttura.

Per il resto troverete altri mille motivi per visitare Arles….

Author: Fabiana – Fashionismo.it